Info & Prenotazioni: 3382601983 - Mail: info@psicologidelbenessere.it

.

Lars e una ragazza tutta sua

A cura della dott.ssa Ratti.

Trama.

(tratto da Wikipedia)

Lars Lindstrom è un ventisettenne introverso che vive in un piccolo paese del Wisconsin, con pochi amici ed una inesistente vita sociale. Ha molta difficoltà ad intrattenere rapporti normali, sia con i suoi concittadini sia con suo fratello Gus e sua cognata Karin. Un giorno confessa al fratello di aver conosciuto la donna dei suoi sogni, Bianca, una dolce e timida ragazza incontrata su internet.

Gus e Karin rimangono però letteralmente senza parole quando conoscono Bianca: infatti non si trovano davanti una ragazza in carne e ossa, bensì una real doll in silicone a grandezza naturale. Lars presenta Bianca come una missionaria di origini brasiliane e danesi costretta su una sedia a rotelle. Preoccupati per la salute mentale di Lars, i due si rivolgono ad una specialista per chiedere consigli.

La dottoressa gli consiglia di assecondare Lars in tutto e per tutto, asserendo che è l’unico modo per aiutare Lars a trovare un equilibrio stabile per uscire dalla realtà distorta che si è creato. Per aiutare Lars, si mobiliterà l’intera comunità, assecondando il ragazzo e trattando Bianca come una persona normale. Ma per ironia, sarà proprio Bianca, con la sua disarmante innocenza, ad aiutare la comunità ad aprire le loro vedute.

Il trailer del film.


Descrizione

“Lars e una ragazza tutta sua” (titolo originale “Lars and the Real Girl”) è un film diretto da Greg Gillespie.

 

Visto per voi.

Le difficoltà a confrontarsi con problematiche che, nonostante la giovane età appaiano consolidate, e la possibilità di un percorso che risvegli creatività, autonomia, e spinta verso al gruppo, sono rappresentate in un film delicato e surreale, “Lars ed una ragazza tuta sua” di Craig Gillespie.

La valutazione di PdB.

Il film mostra quanto le relazioni abbiano le potenzialità non solo di far ammalare in alcuni casi l’individuo, ma anche e soprattutto di curarlo. Ecco quindi la potenzialità sempre più vivida e radicata nel nostro tempo dei gruppi, da quelli di appartenenza a quelli propriamente terapeutici, come luogo di scambio, confronto e cura.

 

Visione psicologica.

E’ la storia di Lars, un ragazzo di ventisette anni, altrettanto timido e schivo, che vive la propria esistenza, quasi senza lasciare alcuna traccia, fuggendo ogni contatto umano. Le sue giornate scorrono nella loro ripetitività, un allontanamento volontario dalla società. La madre è morta nel momento esatto in cui è venuto alla nascita. Vive in una dependance, accanto alla casa di famiglia, dove abitano il fratello Gus e la moglie Karin, i quali tentano, vanamente, di coinvolgerlo nella vita familiare e nella prospettiva di stare per diventare zio. Ad infrangere la monotonia è Lars stesso, quando si presenta sulla soglia di casa e confessa al fratello e alla cognata il suo fidanzamento. La loro felicità si tramuta in shock davanti a Bianca, la fidanzata, che Lars presenta come una giovane missionaria e che in realtà è una bambola gonfiabile.

I suoi racconti e il suo comportamento vengono presi come un’evidente manifestazione della sua follia. Nonostante questo, quello che accade è che tutta la comunità asseconderà quella che viene percepita come una forma di pazzia, accogliendo Lars e il suo voler portare avanti questa “relazione”, accettando degli aspetti che potrebbero essere definiti come deliranti. Questo contenitore si strutturerà fino al momento in cui il sentirsi accolto a livello comunitario, gruppale, permetterà a Lars di decidere autonomamente di smettere il sintomo, e di far morire la sua “ragazza”, per iniziare a frequentarne una reale, da cui era già da tempo attratto ma con cui gli sembrava impossibile poter entrare in relazione a causa della sua timidezza.

Quello a cui si assiste è la crescita, anche in senso figurato, della famiglia di Lars, da trittico problematico a una pluralità confortante. Grazie a questo sintomo quasi delirante che Lars presenta, potrà accedere ad un’ottica comunitaria, che gli permetterà sia di smettere il sintomo, che elaborare il trauma, la perdita della madre e della funzione materna, che aveva condotto ad una modalità comportamentale di grande riservatezza e di scarso contatto umano. L’improvvisa necessità di Lars di presentare questa ragazza, costruendo una storia “come se”, richiama in fondo il “fantasticare” che talvolta consente a lungo l’appagamento di bisogni, che tuttavia in questo modo non possono trovare realizzazione nella vita reale, fino quasi ad essere negati. In questo la dimensione del gruppo e l’incontro con l’altro da sè, cosi come accade a Lars, consente la possibilità di pensarsi, sia a livello intrasoggettivo, che intersoggettivo, all’interno di una rete di relazioni.

Informazioni aggiuntive

Genere

Commedia

Cast

Ryan Gosling: Lars Lindstrom
Emily Mortimer: Karin
Paul Schneider: Gus Lindstrom
Kelli Garner: Margo
Patricia Clarkson: Dagmar

Durata

106 min.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lars e una ragazza tutta sua”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top
Enter your Infotext or Widgets here...